ELSA DAY 2019 – Freedom of Expression Online

ELSA Macerata ha firmato la petizione lanciata sulla piattaforma change.org da Odiareticosta e il Manifesto di Parole Ostili.

Perché abbiamo scelto queste due campagne? A nostro parere la libertà di espressione online, dalla European Court of Human Rights ricondotta all’art 10 della Carta, non può rimanere un concetto astratto ma devono essere intraprese delle azioni per dargli concreta applicazione.

Odiareticosta ha costituito, a tal proposito, un gruppo di avvocati, filosofi, comunicatori, investigatori privati e informatici forensi in grado di agire, in sede civile, dopo aver raccolto tutte le segnalazioni di chi è stato diffamato, offeso, calunniato, minacciato sui social. E’ una campagna creata da dall’associazione Tlon assieme allo studio legale Wildside di Cathy La Torre.

Parole Ostili è un’Associazione no profit che ha l’obiettivo di responsabilizzare ed educare gli utenti della rete a scegliere forme di comunicazione non ostile. I valori promossi sono riassunti nel “Manifesto della Comunicazione non Ostile”.

I casi che si susseguono ogni giorno di “cyberbullismo” o attacchi di vario genere effettuati online, sono a tutti tristemente noti. Dalla politica alla moda, sino al nostro collega, amico, familiare, hanno ricevuto un messaggio ostile via social. Va precisato che vi è una grande differenza tra esprimere la propria opinione e insultare, minacciare, augurare la morte o uno stupro. Questi sono reati. Non sono opinioni.

In occasione, dunque, dell’ELSA Day, una giornata che ogni anno il Network di ELSA dedica a un diritto umano differente, quest’anno a tema Freedom of Expression Online, abbiamo voluto intraprendere una pratica presa di posizione contro le parole ostili e l’odio online firmando il Manifesto e la petizione di cui sopra.

Siamo consapevoli di essere una piccola goccia in un vasto mare di indifferenza. Da giuristi e studenti di diritto, tuttavia, non possiamo avallare e permettere che altri calpestino il diritto di parola altrui e ci sentiamo in dovere di promuovere la consapevolezza su questi temi. Non è normale che ci si senta liberi di scrivere certi commenti di odio solo perché siamo protetti da una tastiera e uno schermo. Il primo articolo del Manifesto recita appunto “Virtuale è Reale” e di questo messaggio vogliamo farci promotori.

ELSA Macerata ha deciso di sviscerare questo organizzando anche una conferenza cui interverranno il Prof. Laneve dell’Università di Macerata e la giornalista Paola Pagnanelli del Resto del Carlino. Il titolo è “Profili giuridici e sociologici del Cyberbullismo” e avrà luogo il 27 novembre dalle 17 alle 19 nell’Aula Magna del Dipartimento di Scienze della Formazione dell’Università di Macerata. In apertura della conferenza proietteremo un video realizzato da Odiareticosta per ELSA Macerata.

Agite nel web con la stessa accuratezza con cui vi muovete nel reale e aiutate a combattere l’odio che si riversa online inviando alla mail odiareticosta@gmail.com i link di post o altri contenuti che recano un tale linguaggio ostile.

Vi invitiamo, infine, a firmare il Manifesto e la petizione, perché il cambiamento parte sempre dal basso: solo uniti riusciremo a fare la differenza! Ripartiamo dalle parole. Pillole di consapevolezza: